Trustpilot

Kanazawa, Giappone. Il fascino di una città ricca di storia.

Kanazawa Giappone - Watabi

La città di Kanazawa: curiosità e consigli per la visita

La città di Kanazawa si trova sulla costa nord-ovest della regione giapponese dell’Honshu e funge da “portone d’ingresso” per la rurale e tranquilla penisola di Noto. La sua posizione al centro del paese la rende una perfetta meta “pit-stop” durante un viaggio in Giappone e, grazie allo Shinkansen, risulta particolarmente comoda quando ci si deve spostare dal nord al sud o viceversa, ad esempio per spezzare piacevolmente uno spostamento da Tokyo a Kyoto.

In antichità governata per svariati secoli dal prestigioso clan Maeda, la città è una fra le poche fortunate (insieme a Kyoto) ad aver evitato i bombardamenti e le stragi della Seconda Guerra Mondiale e ciò ci permette ad oggi di ammirarla in tutta la sua bellezza perfettamente conservata. Esempi di questa bellezza sono gli antichi quartieri dei samurai e delle geisha, i distretti punteggiati da tradizionali case da tè e naturalmente non si tratterebbe di Giappone se non si parlasse di templi, castelli e meravigliosi giardini.

Quando andare a Kanazawa ?

Kanazawa è molto bella da visitare durante tutto l’arco dell’anno. Specialmente se siete amanti della neve e dei paesaggi innevati, non potete perdervi un visita invernale in questa città. Da Dicembre a Febbraio il clima si fa infatti molto freddo e la neve cade incessantemente per giorni e talvolta per settimane, ricoprendo tutto con un manto bianchissimo e donando alle strade ed ai parchi della città un’atmosfera molto rilassante.

Se invece il freddo non è vostro amico, i due periodi che vi consigliamo per recarvi a Kanazawa sono quelli compresi fra Marzo e Aprile e fra Settembre e l’inizio di Novembre. Nel primo periodo il clima tende a riscaldarsi dopo il freddo inverno e verso fine Marzo potrete anche godervi la fioritura dei ciliegi, particolarmente belli nei pressi del Castello di Kanazawa. Anche il periodo fra Settembre e Novembre non è da sottovalutare: a differenza dell’umido e piovoso autunno italiano infatti, in Giappone (ed in particolare a Kanazawa) troverete un piacevole clima fresco ed asciutto, con probabilità di pioggia molto basse. Fra fine Ottobre ed inizio Novembre potrete inoltre ammirare il foliage degli alberi della città accendersi di un colore rosso intenso: in questo caso sarà d’obbligo una visita al celebre giardino Kenroku-en.

Passiamo adesso a vedere alcune delle attrazioni che rendono questa città una meta imperdibile durante un viaggio in Giappone.

Cosa vedere a Kanazawa

Il Giardino Kenroku-en

Il Kenroku-en è senza ombra di dubbio la principale attrazione di Kanazawa, nonchè il motivo per cui la città è visitata da turisti giapponesi e non in ogni periodo dell’anno. Il giardino è considerato uno dei tre giardini più belli dell’intero paese (insieme al Kairaku-en della città di Mito ed al Koraku-en di Okayama) ed offre uno spettacolo diverso a seconda della stagione in cui lo si visita.

Il Kenroku-en fu originariamente realizzato come giardino privato del clan governante Maeda e soltanto alla fine del XIX Secolo con il declino del clan stesso fu aperto al pubblico. Passeggiando al suo interno si ha come l’impressione di camminare in un luogo magico dove la vegetazione cresce spontaneamente avvolta da un’armonia indescrivibile. Nella realtà tuttavia questa sensazione non è data dalla spontaneità o dalla naturalezza del giardino, bensì da ben due secoli di cura delle piante e dei fiori presenti al suo interno da parte dei mastri giardinieri che vi lavorano sin dall’età feudale. Il giardino è infatti minuziosamente curato in ogni minimo dettaglio, dal posizionamento delle piante alla loro crescita stessa. Come ogni giardino giapponese che si rispetti, il Kenroku-en comprende inoltre sentieri passeggiabili, suggestivi laghetti e corsi d’acqua, fontane ed alcune piccole case da tè.

Una particolarità di questo giardino è il suo nome, che tradotto significa “Giardino delle sei qualità”. Secondo gli antichi canoni provenienti dalla Cina, un paesaggio perfetto doveva infatti avere i seguenti sei attributi: spaziosità, maestosità, una posizione tranquilla e silenziosa, corsi d’acqua, scorci panoramici ed infine un ingegnoso ed esperto tocco artificiale da parte dell’uomo. Dunque è presto spiegato il nome del giardino: la coesistenza di tutte queste sei qualità è infatti evidente già dopo pochi minuti di camminata al suo interno.

Immagine del parco Kenrokuen d'inverno a Kanazawa Giappone
Parco Kenrokuen

Il quartiere di Higashi Chaya

Higashi Chaya è un distretto storico conservatosi in maniera eccezionale e caratterizzato dai tipici edifici realizzati interamente in legno. Le sue origini risalgono agli inizi del 1800, periodo in cui era molto conosciuto come quartiere di intrattenimento per i nobili ed i più ricchi mercanti.

Il nome Higashi Chaya significa letteralmente “distretto orientale delle case da tè“. Queste case da tè tuttavia non erano solamente adibite all’assaggio di prelibati tè giapponesi, bensì erano veri e propri locali di divertimento in cui i clienti venivano intrattenuti dalle geisha con danze, canzoni tradizionali ed addirittura giochi alcolici.

Ad oggi molti di questi locali sono stati convertiti in piccoli musei in miniatura, ristoranti o negozi di souvenir, tuttavia resistono ancora alcune case da tè gestite dalle geisha ed aperte durante il giorno. Se vi capita di fare una bella passeggiata in questo quartiere vi consigliamo inoltre di entrare in qualche piccola pasticceria ed assaggiare i wagashi, tipici dolcetti giapponesi spesso a base di marmellate di fagioli dolci. Fra i negozi di souvenir che vi salteranno più all’occhio vi saranno sicuramente quelli che vendono rari pezzi di artigianato abbelliti con foglie d’oro. L’utilizzo della foglia d’oro è una tecnica di decorazione ormai simbolo di Kanazawa, realizzata e perfezionata dagli esperti artigiani della città da ormai diversi secoli.

fotografia che ritrae due Maiko di spalle mentre passeggiano per il quartiere di Chaya a Kanazawa Giappone
Due Maiko a passeggio per Chaya

Il distretto di Nagamachi

Questo quartiere si estende a sud del centro della città ed era in antichità il distretto residenziale dei samurai di alto e medio rango di Kanazawa. L’area è molto tranquilla e ricca di piccoli canali e le vie in pietra ricordano a tratti degli stretti corridoi chiusi ai lati dalle spesse mura che tutt’oggi accerchiano le antiche abitazioni dei samurai.

Come il resto della città, anche Nagamachi è molto ben conservata, tanto che alcune fra le più prestigiose residenze samurai sono oggi diventate musei aperti al pubblico che offrono la possibilità di capire come potesse essere la vita in questo quartiere svariati secoli fa.

Tappa obbligata del distretto di Nagamachi è senza dubbio la Residenza Nomura, la casa originale di una famiglia di samurai dove potrete entrare per ammirare eleganti pezzi di antiquariato, manufatti storici (tra i quali una vera armatura) ed uno fra i più prestigiosi giardini interni dell’intero paese.

Oltre a quelle sopra citate, Kanazawa offre naturalmente molte altre attrazioni degne di nota. Fra quelle assolutamente da non lasciarsi sfuggire possiamo ancora citare il Santuario di Oyama (il principale santuario shintoista della città) ed il maestoso Castello di Kanazawa con il suo ampio parco. Se siete inoltre appassionati di cibo giapponese, vi consigliamo una visita ed una bella pausa pranzo al mercato cittadino di Omicho, uno dei più famosi in Giappone, dove troverete pesce della più alta qualità, granchi freschissimi e molto altro ancora.

Cosa e dove mangiare a Kanazawa

Kanazawa è una città abbastanza grande dove troverete tutte le tipologie di ristoranti presenti nel resto del Giappone. Detto questo Kanazawa eccelle in quelle che sono alcune varietà regionali che vi voglio descrivere di seguito.

Sushi e sashimi

Si dice che a Kanazawa si possa trovare il pesce più fresco di tutto il Giappone. In un certo senso questo è vero, il mare interno giapponese (quello che guarda verso la Corea e la Russia) è estremamente pescoso e il porto di Kanazawa ospita uno dei mercati di pesce più importanti della prefettura di Ishikawa. Un luogo dove potete facilmente assaggiare queste primizie è il mercato di Omicho dove il piatto servito più comunemente è il Chirashi e cioè una ciotola di riso con pesce crudo sopra. La freschezza delle capesante giganti, dei ricci di mare e della ricciola di questa parte di Giappone è davvero incredible. Presso la stazione di Kanazawa troverete facilmente altri ristoranti di sushi a rullo (guardate anche nel vicino centro commerciale Forus).

Se foste degli appassionati di sushi e voleste provare l’alto livello della preparazione e presentazione dei ristoranti più prestigiosi sappiate inoltre che vi converrà farlo a Kanazawa rispetto alla più costosa Tokyo.

Granchio

Uno dei prodotti che vedrete più spesso nei mercati cittadini è il granchio gigante (snow crab) e il motivo è che i giapponesi ne vanno pazzi. Il granchio è talmente popolare che i prezzi di questo prodotto salgono più in alto del prezzo dell’aragosta. La preparazione più comune del granchio a Kanazawa è quella a vapore servito insieme a riso e altre verdure.

Il manzo di Noto

Cresciuto e allevato esclusivamente nella penisola di Noto questo manzo gode di un pedigree paragonabile al manzo di Kobe. Per nostra fortuna però, al contrario del manzo di Kobe, il manzo di Noto non è diventato famoso all’estero e non è arrivato a raggiungerne le stesse vette di prezzi. Si tratta quindi di una carne Wagyu di prima scelta dal tipico aspetto marmorizzato e il suo consumo più tradizionale è con la cottura alla piastra o Teppanyaki. Potrebbe essere un’ottima occasione per gli amanti della carne trovare uno dei numerosi ristoranti che propongono questa razza e assaggiare il vero Wagyu giapponese a un prezzo più economico di quello che si potrebbe spendere in altre città.

0 0 vote
Article Rating

Condividi questo post

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Trustpilot
0
Lasciate un commentox
()
x