Trustpilot

Okunoin, il cimitero più grande e famoso del Giappone

Il cimitero Okunoin - ingresso principale

Il cimitero di Okunoin è situato nella città di Koyasan, nella prefettura di Wakayama, in Giappone. È il cimitero più grande e famoso del Giappone ed è considerato un luogo sacro da molte persone.

Alcuni dei fatti più importanti da sapere sul cimitero di Okunoin sono:

  1. Il cimitero di Okunoin è l’ultima dimora del fondatore della setta buddista Shingon in Giappone, Kobo Daishi (noto anche come Kukai).
  2. Il cimitero ospita oltre 200.000 tombe, comprese quelle di molte figure di spicco della storia giapponese, come shogun, samurai e poeti.
  3. Il cimitero di Okunoin è noto per la sua atmosfera bella e tranquilla ed è un luogo popolare in cui le persone vengono a rendere omaggio ai defunti e propri cari.
  4. Il cimitero ospita anche una serie di importanti siti culturali e storici, tra cui il mausoleo di Kobo Daishi, il tempio di Okunoin e la tomba dell’imperatore Meiji.
  5. Il cimitero di Okunoin si trova sulla montagna sacra di Koyasan, che è un sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO ed è considerato uno dei luoghi più sacri del Giappone.

Cenni sul cimitero e come muoversi

Okunoin (奥の院) è il sito del mausoleo di Kobo Daishi (noto anche come Kukai), fondatore del buddismo esoterico Shingon e una delle persone maggiormente venerate nella storia del Giappone. Si crede che Kobo Daishi riposi in eterna meditazione e fornisca sollievo a coloro che nel chiedono salvezza. Ogni mattina, per rispettare questa credenza, viene portato cibo fresco a Kukai. Okunoin, per questa e altre ragioni, è uno dei luoghi più sacri del Giappone ed un popolare luogo di pellegrinaggio.

Il percorso all’interno del cimitero passa dall’attraversamento di tre ponti. Tre sono i ponti che dividono il mondo mortale da quello degli spiriti e tre sono i ponti utilizzati per descrivere la geografia del cimitero. Ad ogni ponte è necessario inchinarsi e oltre l’ultimo ponte, da attraversare dopo essersi purificati con un rito, è vietato utilizzare macchine fotografiche e portare copricapi.

Il ponte Ichinohashi (primo ponte) segna l’ingresso tradizionale a Okunoin e i visitatori devono inchinarsi per rendere omaggio a Kobo Daishi prima di attraversarlo. Dall’altra parte del ponte inizia il cimitero di Okunoin, il più grande del Giappone, con oltre 200.000 lapidi lungo i quasi due chilometri di avvicinamento al mausoleo di Kobo Daishi. Desiderando essere vicini a Kobo Daishi nella morte per ricevere la salvezza, molte persone, tra cui importanti monaci e signori feudali, hanno fatto erigere qui le loro lapidi nel corso dei secoli.

un bivio a okunoin
Il percorso principale dentro Okunoin

Un percorso più breve

Un secondo percorso più breve per attraversare Okunoin inizia alla fermata dell’autobus Okunoin-mae e riduce della metà la passeggiata fino al mausoleo (a poco meno di un chilometro). Questo percorso alternativo passa attraverso un’estensione recente al cimitero con lapidi moderne di privati, associazioni e aziende, comprese alcune sorprendenti, come il memoriale di un’azienda di disinfestazioni in memoria di tutte le termiti che i loro prodotti hanno sterminato.

Indipendentemente dal percorso scelto, entrambi i percorsi si incontrano nella sala delle offerte Gokusho che si trova vicino a una fila di statue raffiguranti Jizo, un popolare Bodhisattva che si prende cura dei bambini, dei viaggiatori e delle anime dei defunti. I visitatori fanno offerte e versano acqua sulle statue, conosciute come Mizumuke Jizo per pregare per i membri della famiglia defunti.

Il terzo ponte

Il ponte Gobyobashi attraversa un ruscello dietro il Mizumuke Jizo e separa l’area più sacra dal resto di Okunoin. I visitatori devono nuovamente inchinarsi a Kobo Daishi prima di attraversare, e la fotografia, il cibo e le bevande sono vietati oltre questo punto. A sinistra del ponte c’è un gruppo di segnali di legno posti nel torrente come memoriale per i bambini non nati.

Pochi metri dopo il ponte sul lato sinistro del sentiero si trova la Miroku Stone, custodita in una piccola gabbia. I visitatori sono sfidati a sollevare la pietra dalla piattaforma inferiore della gabbia a una piattaforma superiore con una sola mano. Si ritiene che la pietra sia più leggera per le persone buone e più pesante per le persone cattive e che possa fornire una connessione con il Bodhisattva Miroku.

terzo ponte al cimitero di koyasan
Il terzo ponte con il mausoleo in lontananza

Il Mausoleo di Okunoin

Torodo Hall (Sala delle lanterne) è la sala principale di culto del cimitero, costruita di fronte al mausoleo di Kobo Daishi. All’interno della sala ci sono più di 10.000 lanterne donate dai fedeli che vengono tenute eternamente accese. Nel seminterrato della sala ci sono 50.000 minuscole statue che sono state donate a Okunoin in occasione del 1150° anniversario dell’ingresso di Kobo Daishi nella meditazione eterna nel 1984.

Dietro Torodo Hall c’è il Mausoleo di Kobo Daishi (Gobyo), il luogo della sua eterna meditazione. I visitatori vengono da ogni parte per pregare Kobo Daishi, e non è raro vedere qui pellegrini che cantano i sutra.

Visita notturna al cimitero di Okunoin

Alcune guide suggeriscono di visitare il cimitero di notte. Una visita notturna offre infatti un’atmosfera speciale che è molto diversa da quella diurna, ma si noti che alcune parti del percorso sono scarsamente illuminate. È possibile avventurarsi fino al mausoleo durante la notte, ma né la Sala Torodo né nessuna delle altre sale delle offerte sono aperte. Inoltre, comportati in modo rispettoso e tieni presente che la fotografia, il cibo e le bevande sono vietati oltre il ponte Gobyobashi.

4 1 vote
Article Rating

Condividi questo post

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Trustpilot
0
Lasciate un commentox