Trustpilot

Giochi giapponesi: come divertirsi nel sol levante

Ragazzo giapponese gioca con il visore VR - Watabi

Quando pensiamo ai giochi giapponesi non possono non venirci in mente il grande numero di videogiochi che il Giappone produce ogni anno. Eppure i giapponesi non hanno iniziato a giocare solo con Super Mario e Sonic.

Il “gioco”, in Giappone come in altri paesi, è un concetto antico che da sempre sta alla base delle prime forme di relazioni ed interazioni sociali. Anzi è spesso tramite il gioco che un paese riesce a condensare una parte della propria cultura e trasmetterla al resto del mondo. Analizziamo quindi la cultura ludica di questo paese attraverso i suoi giochi tradizionali e moderni.

Il gioco come forma di cultura

Il Giappone può vantare un gran numero di giochi tradizionali così come una grande offerta di videogiochi di altissima qualità. Sono i primi tuttavia che ci raccontano maggiormente qualcosa sulla storia e sugli usi e costumi tipici della terra del Sol Levante e sarà proprio su di questi che concentreremo la nostra attenzione. Alcuni di questi giochi orientali hanno caratteristiche e origini cinesi mentre altri nascono originariamente in Giappone e non si trovano in altri paesi asiatici.

Andiamo quindi a scoprire alcuni fra i principali giochi giapponesi, che abbiamo pensato di raccogliere per comodità in quattro sezioni tematiche.

Giochi giapponesi all’aria aperta

Hanetsuki

Fra i più antichi giochi giapponesi per ragazze va senza dubbio menzionato Hanetsuki (anche chiamato “badminton giapponese”), gioco risalente al XIV secolo e tipico del periodo di Capodanno. A differenza del badminton non si gioca con una rete, tuttavia si usa la stessa pallina: il volano. Il volano viene colpito con apposite palette di legno e l’obiettivo del gioco è di non farlo cadere per il maggior lasso di tempo possibile. Più tempo il volano rimane in volo e più grande sarà la fortuna dei partecipanti per il nuovo anno, mentre allo sventurato giocatore che lo lascerà cadere verrano dipinti i piedi con dell’inchiostro nero.

due ragazze giocano ad hanetsuki in una foto antica

La componente tradizionale che risiede in questo gioco è tanto forte che le palette di legno, chiamate hagoita, sono negli anni diventate veri e propri ornamenti per il periodo di fine anno. In questi giorni troveremo apposite bancarelle nei pressi dei principali templi giapponesi che venderanno hagoita decorate in ogni modo: da disegni in antico stile Edo a coloratissime stampe di Hello Kitty.

Oni Gokko

Oni Gokko viene giocato ogni giorno da gruppi di bambini giapponesi ovunque vi sia un parco o uno spazio aperto. Le regole sono molto semplici: uno dei bambini diventa l’Oni (il “demone”) e dopo aver contato fino a 10 dovrà cercare e scovare gli altri bambini. Chi viene catturato diventa a sua volta l’Oni e darà così inizio ad un nuovo turno del gioco. Una sorta di nascondino con un “tocco diabolico” in stile giapponese!

Daruma

Fra i giochi tradizionali giapponesi non si può inoltre dimenticare “Daruma“, gioco molto simile al nostro “Un, due, tre stella!”. In Daruma una fila di bambini dovrà allinearsi a qualche metro da un muro, tentando di raggiungerlo. Il Daruma, ovvero un bambino rivolto verso il muro, si volterà di scatto e se vedrà qualcuno muoversi lo catturerà. Il gioco finisce quando il Daruma cattura tutti i partecipanti, o al contrario quando tutti i bambini riescono a raggiungere il muro.

Kendama

Uno gioco tradizionale in legno, all’apparenza semplice, che nasconde una certa profondità d’utilizzo. Nasce probabilmente in Europa e arriva in Giappone lungo la via della seta dove nel tempo si modifica fino ad assumere l’aspetto odierno. Nella sua forma più tradizionale il kendama è composto da una palla di legno collegato tramite un cordino a una tazza dotata di impugnatura. Si tratta di un gioco di abilità dove è necessario con un colpo di mano posizionare la palla in una tazza o infilzarla con la punta del bastone. Al giorno d’oggi il gioco del kendama è venduto in tanti mercatini tradizionali, soprattutto di dolciumi. Di seguito un video dove si possono vedere le molte possibilità di utilizzo, dai tricks più facili a quelli più complessi.

Giochi giapponesi tipici dei matsuri: i festival cittadini

Kingyo Sukui

giochi giapponesi a una fiera

Gli appassionati di manga ed anime avranno sicuramente visto qualche scena dove i protagonisti si cimentavano in questa tradizionale prova tipica dei matsuri giapponesi. Nel Kingyo Sukui, “la pesca del pesce rosso“, si cerca di catturare uno o più pesci rossi all’interno di una vasca con una particolare paletta di carta che si scioglie molto rapidamente a contatto con l’acqua. Inutile dire che se si riesce a prendere un pesciolino è possibile portarselo a casa!

Wanage

uomo giapponese mentre gioca a wanage di spalle

Anch’esso tipico dei festival cittadini, il Wanage è un lontano parente del “lancio dell’anello” sempre presente nei luna park di una volta. Tutto ciò che si deve fare è lanciare un anello (si hanno dalle tre alle cinque possibilità) e centrare il premio desiderato. Più facile a dirsi che a farsi, ma non temete, non tornerete a mani vuote. In Giappone se non riuscirete ad ottenere alcun premio vi sarà infatti donato l’anello stesso!

Giochi giapponesi da tavola

Shogi

due giovani campioni del gioco giapponese shogi si sfidano

Passando adesso a giochi più complessi, Shogi è senza dubbio il più famoso gioco da tavolo giapponese. Ad un primo approccio può ricordare gli scacchi in quanto l’obiettivo è di immobilizzare il re avversario, tuttavia nello Shogi la scacchiera è 9×9 ed i pezzi nemici conquistati possono essere rimessi in gioco sotto il proprio controllo. I giocatori più esperti dovranno quindi anticipare le mosse dell’avversario con vari turni in anticipo ed ideare strategie che portino al completo controllo della partita. Si tratta quindi di un gioco molto creativo e meno “matematico” di quello che potrebbe sembrare.

Lo Shogi è anno dopo anno sempre più amato anche dai bambini giapponesi ed è utilizzato all’interno del sistema educativo per insegnare la creatività, la concentrazione ed il rispetto del prossimo. Sono pertanto in molti a ritenere lo Shogi il “gioco giapponese” per eccellenza.

Go

“Go” è un gioco da tavola semplice ed allo stesso tempo molto complicato, famoso in Giappone, Cina e Corea ed amatissimo da persone di ogni età e sesso. Si gioca su una griglia simile ad una scacchiera 19×19 con piccoli sassolini ritondi bianchi e neri. A differenza dei giochi da tavolo occidentali come dama o scacchi, questi sassolini andranno tuttavia a posizionarsi sulle intersezioni fra le righe della scacchiera e non all’interno dei riquadri.

donna giapponese gioca a go

L’obiettivo è riuscire a circondare tutti i sassolini dell’avversario con i propri ed a conquistare un maggior spazio possibile sul piano del gioco. Per quanto semplice a dirsi, le partite di Go risultano spesso in lunghe ed intricate battaglie strategiche per la conquista di determinate posizioni sulla scacchiera. Questo cervellotico passatempo ha raggiunto negli ultimi decenni un enorme successo, da cui sono scaturite importanti pubblicazioni di libri di tattica di gioco ed addirittura intere serie manga ed anime ispirate al Go.

Le sale giochi giapponesi

Non esiste una città in Giappone che sia troppo piccola (piccoli paesi di campagna esclusi) per non avere al suo interno almeno una sala giochi. Anche se non viaggiate con bambini vi consiglio di entrare in una di queste strutture per verificare di persona la serietà e l’impegno che i giapponesi, adulti e bambini (ma soprattutto adulti), mettono nel gioco.

Wani Wani Panic

il gioco giapponese di wani wani panic

In un paese dove si lavora duro e molto seriamente, cosa può esserci di meglio che scaricare un pò di tensione in sala giochi? Wani Wani Panic è un videogioco simile al nostro “Acchiappa la Talpa”, in cui si colpiscono rapidamente i simpatici animaletti mano mano che escono dai loro buchi. La differenza è che invece delle talpe qui si hanno dei coccodrilli da colpire proprio sul naso!

Taiko no Tatsujin

l'immagine frontale del videogioco giapponese taiko drum

Tanto raro in Occidente quanto comune nelle sale arcade giapponesi, il videogioco Taiko no Tatsujin ci trasforma nei batteristi scatenati che abbiamo sempre desiderato diventare. Il gioco consiste in due grandi tamburi da percuotere con le apposite bacchette, seguendo il ritmo ed i comandi che ci appaiono sullo schermo. Le note rosse indicano un colpo al centro dei tamburi, le note blu un colpo alle estremità ed infine le note gialle richiedono una serie di rapidissimi colpi. Una sorta di “Guitar Hero” ma con bacchette e tamburi.

Dance Dance Revolution

jim carrey gioca a dance dance revolution

Rimaniamo in tema musicale con Dance Dance Revolution, il gioco arcade in cui si balla a ritmo di musica pop seguendo accuratamente i comandi sullo schermo. Che si danzi come dei veri performers o che si zompetti come dei principianti, il divertimento con questo gioco è assicurato.

Per chi pensa inoltre che un videogioco da sala giochi non possa essere definito “tradizionale”, Dance Dance Revolution è qui proprio per sfatare questo mito. Sono infatti ormai 20 anni che questo appassionante gioco domina gli arcade giapponesi (e non solo) con le sue energetiche canzoni e la sua spettacolare atmosfera da club underground.

Ti piacerebbe vivere e provare dal vivo i diversi giochi giapponesi? Con un Tour Operator per il Giappone si può: consulta la pagina e scopri tutti i viaggi disponibili!

0 0 vote
Article Rating

Condividi questo post

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Trustpilot
0
Lasciate un commentox
()
x