Trustpilot

Odaiba, il quartiere moderno di Tokyo

odaiba tokyo - watabi

Odaiba è oggi un quartiere che potremmo definire “dello svago”. Se vi recate a Odaiba una domenica di sole troverete infatti molte famiglie e coppie in gita, attirate da moderni centri commerciali e centri relax.

Nonostante Odaiba abbia oggi l’aspetto di un moderno quartiere di Tokyo questo quartiere ha una storia recentissima ed esiste di fatto solo dagli anni ’90.

Odaiba l’isola artificiale

A metà del 1800 lo shogun decide di costruire undici isole artificiali nella baia di Tokyo. Lo scopo era posizionare delle piccole fortezze dotate di cannoni in mare e difendersi da possibili attacchi esterni. I governanti giapponesi avevano da poco constatato la potenza delle armi occidentali ed erano preoccupati per la loro indipendenza.

Di queste undici isole del progetto originale ne vennero costruite solamente sei; circa cento anni più tardi venne deciso poi di modificare l’opera unendo alcuni isolotti in un’unica grande isola e ottenere quindi più terreno edificabile. Nonostante l’impressionante costo del progetto, a fronte di una Tokyo in piena espansione, fu quindi deciso di far sorgere un nuovo quartiere dal mare.

In contrasto con i progetti iniziali, a causa dello scoppio della bolla immobiliare, non vennero poi costruiti appartamenti e strutture residenziali ma bensì parchi, uffici e spazi per il tempo libero.

Cosa vedere a Odaiba

Nel quartiere di Odaiba non troverete manufatti storici o attrazioni legate alla cultura tradizionale (tranne una). E’ un quartiere che per alcuni versi ricorda più gli Stati Uniti che il Giappone e forse non è un caso che ci sia una replica in scala della statua della libertà.

Legoland

Adatto a tutti gli appassionati dei mattoncini Lego e ai viaggiatori più piccoli questo parco divertimenti al chiuso è ideale durante una giornata di pioggia. Presenti all’interno una riproduzione in lego della città di Tokyo (1.5 milioni di pezzi), un cinema 4d, un lasergame a tema e tante altre attrazioni.

Joyopolis

Videogiochi e realtà virtuale la fanno da padroni in questa catena di parchi divertimenti al chiuso. Nella filiale di Odaiba sono presenti più di 20 diverse attrazioni. Da tenere presente che i giochi sono pensati per un pubblico giapponese nonostante il personale sia più che felice di aiutarvi (in inglese) a trascorrere un bel pomeriggio di divertimento.

joypolis odaiba - watabi
Il gioco immersivo di Initial-D

Trick Art Museum

Il museo delle illusioni ottiche. In questo “museo” potrete entrare nelle diverse attrazioni sviluppate sul concetto delle illusioni visive. Adatto ai viaggiatori più analogici.

trick art odaiba
Una illusione ottica del museo

Fuji Tv Building

Il Fuji Tv Buiding è una struttura colossale sede dell’omonima rete televisiva di Tokyo. L’architetto alla base del progetto è la star Kenzo Tange e la struttura è accessibile ai visitatori che vogliano salire nella sfera.

Odaiba Fuji - watabi
Il Fuji Tv Building di Odaiba

Venus Fort

Se non siete mai stati in Asia dovreste passare, anche solo rapidamente, da questo centro commerciale. Anche senza l’intenzione di acquistare nulla avrete modo di vedere quanto i giapponesi tengano in considerazione l’arte e le città europee. Se doveste pensare che il risultato sia di cattivo gusto è perché non avete ancora messo a fuoco i dettagli del cielo azzurro dipinto sul soffitto.

venus fort - watabi
Una fontana rinascimentale europea all’interno di un Pantheon. Con i Neon.

Teamlab Borderless

L’attrazione più visitata del 2019. Teamlab è un collettivo artistico specializzato in installazioni artistiche digitali e ha creato questa esperienza, Borderless, in collaborazione con il Mori art museum di Tokyo. Se per motivi di tempo voleste limitarvi a visitare una sola attrazione vi suggeriamo questa.

La mostra Borderless all’interno

Rainbow Bridge

Questo ponte è l’equivalente del “golden gate” a Tokyo. La monorotaia Yurikamome passa all’interno del ponte (appena sotto il manto stradale). Se prendete la monorotaia al tramonto potrete fare delle foto dello skyline di Tokyo molto particolari.

odaiba rainbow bridge
Il Rainbow Bridge fotografato dal Fuji Tv Building

Statua della Libertà

No, non state avendo le allucinazioni. A Odaiba c’è una replica esatta (in scala più piccola) della statua della libertà di New York. E’ posta nei pressi della piccola spiaggia di Odaiba, non potrete non vederla.

Benvenuti a Tokyo

Gundam

Chi viene a Odaiba dovrebbe approfittare dell’occasione per passare davanti alla statua di Gundam. Chi non dovesse conoscere uno dei più famosi robot antropomorfi dell’animazione giapponese riuscirà a godere comunque della vista di questa statua a grandezza naturale. Non sono infatti celebrazioni pubbliche che si vedono ogni giorno in Italia. La statua si trova davanti ai grandi magazzini Diver City.

Onsen Monogatari

Quando ho parlato di attrazioni tradizionali e della loro assenza da Odaiba ho volutamente tralasciato di parlare di bagni termali giapponesi. Questi infatti meriterebbero un capitolo a parte perché a meno di non trascorrere una intera giornata ad Odaiba riuscirete a vedere tutta l’isola artificiale e a fare il bagno alle terme.

Per chi invece fosse interessato proprio a questo aspetto Oedo Onsen Monogatari è uno dei pochi complessi a Tokyo a utilizzare vera acqua termale (portata apposta). Potete noleggiare un kimono e trascorrere una bella serata tra terme, ristoranti e una bella atmosfera in generale. Purtroppo non sono ammessi tatuaggi nella maniera più categorica. Questo video può darvi un’idea di cosa vi aspetta all’interno (tranne le immagini delle vasche perché in Giappone si fa il bagno nudi!)

Come arrivare a Odaiba

Raggiungere l’isola di Odaiba da Tokyo è molto semplice. A meno che non arriviate in battello non vi accorgerete nemmeno di essere sbarcati su un’isola.

  • Con la monorotaia Yurikamome (linea non JR) che parte dalla stazione di Shimbashi (sulla linea Yamanote della JR) . Il treno è privo di autista (metropolitana automatica) pertanto vi consigliamo di salire nel primo vagone, dal quale potrete fare foto e video molto particolari.
  • Con la linea metropolitana Rinkai, che passa dalle stazioni di Ikebukuro, Shinjuku, Shibuya e Osaki. Questo tragitto è sottomarino, arriverete quindi a Odaiba senza vedere particolari panorami.
  • Via mare, con il Tokyo Water Bus che arriva al Parco Marino di Odaiba partendo dal molo di Hinode (partenze ogni mezz’ora / ora) o dal modo di Asakusa. Questa soluzione è più lenta e onerosa ma ovviamente vi permette di fare un viaggio più panoramico.
0 0 vote
Article Rating

Condividi questo post

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Trustpilot
0
Lasciate un commentox
()
x