Trustpilot

Cani Giapponesi, razze e tipologie

cani giapponesi copertina -watabi

Ormai da molto tempo a questa parte, i cani giapponesi risultano tra i più ricercati e desiderati del web. Destano particolare interesse per le caratteristiche fisiche quali: orecchie a punta, coda arrotolata e lo sguardo adorabile e dolce. 

In giapponese cane si scrive con l’ideogramma 犬 e le sue letture sono “inu” e “ken”. Dopo il nome della razza si mette in base al suono fonetico una di queste letture, anche se in alcuni casi possono andare bene entrambe.

I cani in Giappone

In Giappone i cani ricevono un trattamento speciale di protezione, per evitarne la scomparsa. Infatti, già a partire dalla Seconda Guerra Mondiale, nacquero numerose associazioni volte alla salvaguardia di alcune razze e della loro purezza. Ne è un esempio la NIPPO, Associazione di conservazione del cane Giapponese. Sebbene il gatto sia l’animale più presente nell’iconografia giapponese, anche il cane è legato alla loro cultura e tradizione. 

In virtù di questo, gli si attribuiscono titoli onorifici o nobili e attorno alla sua figura nascono numerosi miti e leggende. Anche nella cultura pop si può trovare oggettistica di ogni tipo dedicata ai cani. Negli anime e nei manga, il cane è tra i primi animali domestici ad essere scelto come amico fedele e aiutante del protagonista. 

In Giappone, poi, si possono trovare servizi e luoghi dove poter ‘viziare’ i nostri amici a quattro zampe. Esistono, ad esempio, gli inu café dove chiunque non possa permettersi di tenere un cane o un animale domestico, può recarsi per prendere un caffè o un dolce in compagnia di un animale. 

Le razze di cani giapponesi che conquisteranno il tuo cuore 

Oggigiorno molte razze canine, originarie del Giappone, si stanno diffondendo anche in Occidente. È bene, quindi, sapere quali siano le più importanti.

Akita Inu 秋田犬

cani giappone akita inu - watabi

CARATTERISTICHE:

  • Taglia grande
  • Aspetto elegante
  • Pelo lungo e ruvido con il sottopelo soffice, coda folta
  • Colori: tigrato, bianco, sesamo, rosso fulvo
  • Tranquillo, coccolone con il padrone, non da’ confidenza agli estranei. Estremamente dolce con i bambini e intelligente
  • Solitario, perché geloso degli altri cani
  • Perfetto per la guardia, può vivere in appartamento. In alcuni casi, utilizzato per la caccia al cervo e al cinghiale

CURIOSITÀ:

Il suo nome deriva dalla periferia di Akita, a nord di Honshu, la principale isola dell’arcipelago giapponese. È l’evoluzione del Mategi Inu, anticamente utilizzato per la caccia all’orso, al cinghiale e alla selvaggina. 

Verso il ‘700 divenne il cane della famiglia imperiale e di molti nobili. Proprio per questo esistevano delle disposizioni speciali per la loro cura e, inoltre, bisognava rivolgersi a lui utilizzando un linguaggio forbito. 

Durante la Seconda Guerra mondiale molti esemplari furono uccisi per la carne e la pelliccia. I pochi esemplari rimasti furono protetti. 

Noto, soprattutto, per il film “Hachiko” dove vi è un Akita devoto al suo padrone fino alla morte, diventando simbolo di fedeltà e amore. In Giappone assume un significato particolare: ai neonati e agli infermi vengono regalate delle statuine che lo raffigurano come augurio di salute e felicità. La razza di cane giapponese Akita è una tra le più amate e diffuse nel paese.

Hokkaido Ken 北海道犬

cane hokkaido ken - watabi

CARATTERISTICHE:

  • Taglia media
  • Coda alta e arricciata
  • Pelo duro e fitto con sottopelo morbido e soffice
  • Colori: tigrato, bianco, rosso, nero
  • Protettivo con il padrone, gioca volentieri con i bambini, tollera gli altri animali
  • Impiegato nella caccia e come cane da slitta

CURIOSITÀ:

Prende il nome dall’isola di Hokkaido dove è presente da più di un migliaio di anni. Vivendo sull’isola ha evitato che la purezza della razza venisse contaminata da altri cani giapponesi. È un cane che resiste alle basse temperature e proprio per questo è stato utilizzato per la ricerca di superstiti dispersi nella neve. Nel 1937 è stato dichiarato monumento nazionale, perché considerato specie protetta.

Shiba Inu 柴犬

CARATTERISTICHE:

  • Piccola taglia
  • Pelo di lunghezza media con sottopelo spesso, morbido e uno strato esterno rigido
  • Colori: rosso, nero focato, sesamo (raro)
  • Affettuoso e giocherellone, un vero e proprio cane da compagnia
  • Si affeziona al proprietario e alla sua famiglia, diffidente con gli sconosciuti

CURIOSITÀ:

Lo Shiba Inu è un cane con origini antiche. Venne portato in Giappone dalla Cina circa 2000 anni fa. Nel 1936 venne riconosciuto come monumento nazionale. È il più piccolo delle sei razze originate dal Chow chow.  In Giappone è la razza più diffusa. A Tokyo esiste addirittura un negozio dove uno Shiba accoglie i clienti fino all’arrivo della proprietaria. Assomiglia alla razza Akita tranne che nella taglia, gli Shiba sono infatti molto più piccoli.

Kai Ken 甲斐犬

cane giapponese kai - watabi

CARATTERISTICHE:

  • Taglia media
  • Pelo aderente al corpo e dritto con sottopelo folto e lanoso;
  • Colori: nero e rosso striati
  • Dolce, affettuoso, rispettoso. Attento e premuroso con i bambini
  • Ama uscire con il suo padrone per lunghe passeggiate

CURIOSITÀ:

Originario del distretto di Kai. Il nome originale è Kai Toraken anche se in molti lo chiamano semplicemente kai inu. Nel 1934 è stato eletto simbolo nazionale. 

Nasce come cane da caccia al cervo e al cinghiale, ma, ad oggi, è considerato un cane da compagnia.

Kishu Ken 紀州犬

cane kishu ken - watabi

CARATTERISTICHE:

  • Taglia media
  • Pelo corto, ruvido e dritto con sottopelo morbido e senso
  • Colori: bianco, rosso e sesamo
  • Affettuoso, giocherellone, tranquillo e intelligente
  • È particolarmente indipendente. Si affeziona al suo padrone ed è sospettoso e vigile con gli estranei

CURIOSITÀ:

È una delle razze orientali più antiche del mondo. Ha iniziato a svilupparsi nella regione montuosa del Kishu, da cui prende il nome. Utilizzato per la caccia al cinghiale, al cervo e alla grossa selvaggina. Durante la Seconda Guerra Mondiale ha rischiato di estinguersi, ma, fortunatamente, è riuscito a sopravvivere fino ad oggi. 

Tosa Inu 土佐

cane razza tosa - watabi

CARATTERISTICHE:

  • Taglia molto grande
  • Pelo corto, fitto, duro e ispido
  • Colori: rossiccio, marrone, giallo e nero
  • Tendenzialmente mite, vigile e attento
  • Legatissimo al suo padrone e si affeziona ai bambini
  • Protettivo con la sua famiglia e con il suo territorio
  • Considerate le dimensioni e le potenzialità, è bene che il proprietario sappia gestire cani di grossa taglia

CURIOSITÀ:

Questa razza canina fu creata in Giappone, nella provincia di Tosa. Lo scopo della selezione era quello di ottenere un cane forte e resistente, adatto al combattimento. Tra l’800 e il 900 la razza originale fu incrociata con diversi cani occidentali. Si arrivò, così, all’attuale Tosa. Un cane forte e prestante, con indubbie abilità fisiche. Non è molto conosciuto al di fuori del Paese del Sol Levante, perché i giapponesi tendono a mantenere una certa protezione nei suoi confronti. Spesso infatti i cani giapponesi rimangono confinati entro la loro splendida isola.

In alcuni stati europei, inoltre, il cane è visto come un animale pericoloso. 

Shikoku Inu 四国犬

cane shikoku inu - watabi

CARATTERISTICHE:

  • Taglia media
  • Pelo ruvido e dritto, molto lungo sulla coda, con il sottopelo soffice e denso
  • Colori: sesamo con peli rossi e neri
  • Intelligente, sveglio, vivace ed educato
  • Si mostra indipendente, ma si affeziona alla sua famiglia
  • Adatto come cane da compagnia e alla caccia

CURIOSITÀ:

Originario dell’isola di Shikoku. Viene anche chiamato Kochi Ken, Mikawa inu o cane lupo. 

Nel 1937 è stato dichiarato simbolo nazionale del Giappone dall’imperatore Hirohito. In passato veniva utilizzato per la caccia al cinghiale e al cervo. 

Spitz giapponese 日本スピッツ

cane giapponese spitz
Photo by Yuliya Strizhkina (Cartier) on Unsplash

CARATTERISTICHE:

  • Taglia piccola
  • Pelo dritto e sollevato con il sottopelo corto, soffice e fitto
  • Colori: bianco
  • Intelligente, allegro, sveglio e chiassoso
  • Cane da compagnia e da guardia
  • Ama le coccole del padrone e non tollera gli sconosciuti

CURIOSITÀ:

Venne portato in Giappone molti secoli fa. Sono considerati i più antichi e più puri delle razze canine. L’esatta origine rimane ancora sconosciuta, anche se a quanto sembra questi cagnolini asiatici sarebbero stati originari dell’Artico o dell’Asia orientale.

Viaggiare in Giappone

Se state pensando di fare un viaggio in Giappone non esitate a contattarci per informazioni e supporto. Parlerete con un consulente viaggi preparato che saprà indirizzarvi verso la scelta migliore per le vostre vacanze in oriente.

0 0 vote
Article Rating

Condividi questo post

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Trustpilot
0
Lasciate un commentox
()
x